Intellivision World

 

Sulla scia del successo ottenuto da Atari, alla fine degli anni settanta Mattel Toys inizia negli Stati Uniti lo sviluppo del sistema Intellivision, che viene testato con successo nel 1979 in California.
> anni settanta

Il sistema Intellivision viene lanciato con successo negli U.S.A nel 1980. Sono disponibili a fine anno 19 titoli.
Inizia la guerra dei sistemi per videogiochi tra Atari e Intellivision. Mattel crea una divisione specializzata: Mattel Electronics.
Nel 1982 l'industria dei videogiochi è al suo massimo apice. Activision, Imagic e altre marche iniziano a pubblicare titoli per Intellivision. Intellivision arriva alla cifra di 2 milioni di console vendute, e ad un totale di 50 giochi disponibili. Mattel lancia Intellivoice.
Nel 1983 Mattel lancia negli U.S.A. la console Intellivision II, destinata a rimpiazzare il Master Component originale, ed il System Changer, che permette di utilizzare i giochi per Atari 2600.
I titoli per Intellivision raggiungono la cifra di 100, ma il mercato dei videogiochi inizia il declino: Mattel taglia il prezzo di Intellivision II, cancella lo sviluppo di nuovo hardware, e chiude l'anno con una perdita di 300 milioni di dollari.
L'industria dei videogiochi subisce un crollo devastante nel 1984. Mattel chiude la divisione Mattel Electronics e cede i diritti a una nuova società denominata INTV Corp. INTV inizia lo sviluppo della console INTV System III e ristampa diversi vecchi successi.
INTV introduce nuovi giochi sviluppati (ma mai pubblicati) da Mattel Electronics. Il discreto successo spinge INTV a concludere i giochi Intellivision non terminati e a crearne nuovi. Il lancio di nuove console (Nintendo e Atari) inizia il trend di risalita del mercato.
Sull'onda del successo ottenuto dal Nintendo Entertainment System (NES) nel 1987, anche INTV vende un buon numero di prodotti. Tuttavia l'anno successivo i negozi cessano di vendere INTV: le console ed i giochi vengono venduti solo via posta.
Nel 1989 INTV inizia a produrre giochi per NES.
> anni 1980-1984
> anni 1985-1989

INTV chiude per bancarotta nel 1990 e pone termine allo sviluppo di giochi. Nel corso dei suoi 10 anni di travagliata storia, Intellivision ha venduto oltre 3 milioni di console e raggiunto il numero di 125 titoli prodotti, oltre a numerosi altri titoli abbandonati in corso di sviluppo. I giochi rimanenti continuano ad essere venduti da Telegames e Radio Shack.
La diffusione di Internet contribuisce alla rinascita dell'interesse per Intellivision attorno alla metà degli anni 90. I Blue Sky Rangers (un gruppo formato da alcuni dei programmatori Intellivision dell'epoca d'oro) lanciano il loro sito web.
Nel 1987 il ritorno di interesse per il retrogamnig culmina con la nascita di Intellivision Productions, Inc. formata da alcuni ex programmatori di Mattel Electronics. Nel Intellivision Productions pubblica la raccolta Intellivision Lives! per PC e Mac, seguita nel 1999 da Activision, che pubblica la raccolta Intellivision Classics per PlayStation.
> anni novanta

La ripubblicazione di successi continua negli anni duemila. Intellivision Productions pubblica la raccolta Intellivision Rocks per PC e Mac. THQ Wireless pubblica giochi Intellivision per i telefoni cellulari. Intellivision Productions pubblica Intellivision in Hi-Fi, un CD musicale suonato o ispirato dalle console Intellivision.
Nel 2003 Intellivision Productions pubblica Greatest Hits 10 e Greatest Hits 25 per PC e Mac, e le versioni di Intellivision Lives! per PS2 e Xbox. Vengono pubblicate le unità Intellivision 10 e Intellivision 25 da collegare direttamente alla TV ed una linea di giochi portatili sotto il marchio Intellivision.
> anni 2000

 

Intellivision, Blue Sky Rangers e i marchi associati sono proprietà di Intellivision Productions, Inc. Intellivision Productions, Inc. detiene i diritti in esclusiva sui videogames per Intellivision pubblicati da Mattel Electronics, INTV Corp., Activision e Imagic. Per maggiori informazioni consulta la pagina relativa alle informazioni di Copyright.
Utilizzando questo sito web in qualunque modo si accettano le condizioni di utilizzo.
Click here for English Version